La Terra è ormai un pianeta deserto. Ovunque la natura selvaggia ha invaso le metropoli in rovina, dappertutto le tracce di una distruzione violenta e improvvisa.
Davanti al mare sorge l’Istituto Gloriosa Alba, un edificio di otto piani dove vivono gli ultimi figli dell’umanità, poco più di cinquecento ragazzini dai cinque ai tredici anni. I robot dell’Istituto insegnano loro come ricostruire la civiltà cancellata da una misteriosa catastrofe che ha causato l’estinzione della razza umana e di tutti gli altri mammiferi.
Una degli allievi, Anna Malva, sta attraversando un momento complicato. Il suo migliore amico è scomparso in mare l’estate precedente.
Per superare la perdita e combattere la solitudine Anna inizia un diario.

  • 448 pagine, versione cartacea
  • tempo di lettura 8-9 ore
  • 3,00€ Formato Kindle
  • 13€ Copertina flessibile
Disponibile su Amazon

L’avventura di Anna Malva

Uno dei pregi maggiori della letteratura giapponese è la capacità di sospendere il lettore tra il senso trasognato della fiaba quotidiana, in cui cose e azioni ricevono una interiorizzazione che li illuminano – e la progressiva scoperta di una realtà che può anche essere diversa da quella che potevamo pensare o che credevamo fosse. Penso al gusto delle liste di azioni compiute, ma anche alla poesia degli affetti (Jiro Taniguchi), la ricerca del senso nelle piccole cose… Il racconto di Tadako Okada ha tutta la bellezza della migliore letteratura giapponese, l’humour, la gentilezza – nel rispetto del genere fantascienza…

continua a leggere la recensione di Sergio Failla su Giro di Vite