Subnautica – La recensione

Subnautica è un videogioco di sopravvivenza cosiddetto open world (ovvero si sviluppa in un unico livello tutto esplorabile e del quale ogni parte rimane sempre accessibile). Pubblicato nel 2018 da Unknown Worlds Entertainment fu all’epoca molto innovativo per l’ambientazione aliena principalmente subacquea, come d’altronde si intuisce dal titolo.

Anniversario

Il capitano Lassalle si preparò a celebrare l’anniversario della battaglia di Waterloo nell’avamposto sperduto della Repubblica. Anche nel cassetto ermetico dove era stata conservata accuratamente la sua divisa da cerimonia riuscì a trovare granelli dell’onnipresente polvere rossa.

Gent. Sig. Asimov

SacroFuoco Edizioni – Ufficio Manoscritti Combustibili. Gentile Sig. Asimov, Abbiamo letto con una certa sofferenza il suo ridicolo manoscritto: la raccolta di racconti dal titolo altrettanto infelice “Io, robot”.

Il Dono del Natale

L’ambasciatore della Terra aveva fatto svariati milioni di chilometri per essere presente in quella polverosa e inospitale pianura marziana, ma non sembrava molto felice di essere stato uno dei pochi esseri umani a aver compiuto a quell’impresa.

I nuovi ricordi

Era giusto un anno che lui se n’era andato. Per lei era stato come risvegliarsi in piedi sull’orlo di un precipizio.
Da una parte c’era il mondo, dall’altra un abisso senza fondo.

L’invasione

L’ho scoperto solo da qualche ora. Probabilmente è cominciato stamattina. Il socialnetwork è una specie di motore diesel alimentato a banalità, così ogni lunedì tossicchia quando si tratta di riavviars

L’uomo che guardava il buco nero

Era fatto così: non protestava mai e non disse niente nemmeno quando lo spedirono a sorvegliare la singolarità gravitazionale che ruotava intorno a X-1 Cygni, su una stazione spaziale scalcinata, senza nessuno con cui parlare a parte i computer obsoleti.

Il ragazzo venuto dall’Argentina

Non so da dove arrivassero i soldi, ma per mettere su tutta la baracca ce ne vollero tanti. Di certo la maggior parte del personale medico era di Cuba, ma questo non significa niente perché i medici cubani sono sempre stati i migliori del continente. La domanda vera era: perché finanziare in segreto quel colossale progetto di clonazione umana?