Un racconto è tutt’altra cosa. Un racconto è come un bacio veloce, nel buio,
ricevuto da uno sconosciuto.

(Stephen King)

L’ispettore delle palafitte

Solo acqua. Acqua a perdita d’occhio. L’idroscivolante sfrecciava rombante sullo specchio d’acqua che qualche anno prima era stato l’area tra Bagnoli di Sopra e Agna. Sino alla grande diga di Bergamo la Pianura Padana era un’unica distesa d’acqua che arrivava all’Adriatico. Anzi, si litigava ancora se quello non fosse già l’Adriatico.

Vuk

Chissà in quale tempo, in quale spazio era inciampato l’Esperimento Philadelphia. Me lo chiedo ancora.
Nikola e Albert, in sintonia perfetta, erano certi della riuscita del loro progetto: il particolare generatore elettrico montato sulla nave l’avrebbe resa invisibile.

Un mondo migliore

Trovai l’orientale vestito da bonzo tibetano semiassiderato dietro un cassonetto sotto casa mia, intravidi la sua testa rasata sotto il mucchio di sacchetti che si era accumulato dopo lo sciopero degli addetti. Qualcuno aveva pestato a sangue quel p

Rito di passaggio

Sta per succedere ancora. Lo capisco da come questa realtà si degrada poco a poco scivolando nel paradossale. Anche Lei me l’aveva detto, troppi errori, troppe bizzarrie. Come spiegare altrimenti quel ridicolo presidente? Così potente eppure così infantile? Quel suo buffo ciuffo?

Il Dono del Natale

L’ambasciatore della Terra aveva fatto svariati milioni di chilometri per essere presente in quella polverosa e inospitale pianura marziana, ma non sembrava molto felice di essere stato uno dei pochi esseri umani a aver compiuto a quell’impresa.

I nuovi ricordi

Era giusto un anno che lui se n’era andato. Per lei era stato come risvegliarsi in piedi sull’orlo di un precipizio.
Da una parte c’era il mondo, dall’altra un abisso senza fondo.

L’invasione

L’ho scoperto solo da qualche ora. Probabilmente è cominciato stamattina. Il socialnetwork è una specie di motore diesel alimentato a banalità, così ogni lunedì tossicchia quando si tratta di riavviars

Risposta errata

“Capo?”
“Ciao Gabriele! Bella giornata, no? Tutto bene? Diciamocelo: dopo il lavorone che abbiamo fatto, ci
eravamo proprio meritati un po’ di riposo. Direi che sta andando tutto come avevo previsto, no? È
sempre una gioia quando l’applicazione pratica del modello gira come un orologio. Ti va di
prendere un caffè alla macchinetta mentre mi racconti di come sta andando il progetto Enhancing
Development through Education and Necessity?”